Ten kabát, jako kdy to kráve huby vytáhne!



Le imprecazioni fanno parte della nostra vita e dunque perché non dovrebbero far parte di quei personaggi di cui stiamo seguendo le vite?
Personalmente non le ho mai amate troppo, trovandole spesso un pò forzate e poco spontanee. Ma poi, superato lo scoglio iniziale, ho finito sempre con l'abituarmi alla loro presenza e anzi a essere spesso contento di ritrovarmele davanti. Non è un'imprecazione che fa un personaggio, ma è una piccola cosa in più che ci racconta qualcosa di lui. E dunque, perché privarne i nostri due protagonisti?

Ci siamo così messi alla ricerca di qualcosa di adatto per Brian e Akira.
Brian è un irlandese del XXII° secolo. Come diavolo parlerà un irlandese del XXII° secolo? Non sappiamo nemmeno come parla un irlandese del XXI°! Il gaelico è misterioso, e lo dice uno che deve scontarsi con il ceco ogni giorno.
Bene, andiamoci un pò a cercare delle imprecazioni in gaelico, allora, confidando nel fatto che in un secolo non cambierà di moltissimo (in realtà è una speranza, e nel caso invece cambiasse, qualcuno se la potrà sempre prendere con i nostri eredi).
Comunque. Le imprecazioni in gaelico irlandese sono tutte impronunciabili e impossibili da ricordare. Già, perché cosa importante per noi, l'imprecazione dovrebbe funzionare nella nostra lingua - almeno un pò - per avere qualche speranza di essere ricordata dai lettori italiani. Chi cavolo si ricorderebbe di qualcosa come "Go n-ithe an cat thú, is go n-ithe an diabhal an cat!" (possa un gatto mangiarti e possa il diavolo mangiarsi il gatto!). Per quanto, siamo tutti d'accordo, sia un insulto grandioso.
No, serve qualcosa di breve, immediato, facilmente memorizzabile, ancora meglio se simpatico.
Dopo averne vagliati decine e decine, incappiamo in qualcosa che suona bene.
"Damnù ort!", e "damnù air!"
Il primo - stando ai vari traduttori online - suonerebbe all'incirca come "che tu sia dannato!"
Non va, è utilizzabile solo in poche occasioni e non è il massimo neanche per quelle.
Il secondo è qualcosa di simile a "dannazione!". Questo non è malissimo. Un pò desueto, ma può pure andare. Notare che in ogni caso non ne daremo la traduzione italiana, dunque in teoria potremmo inventarcelo di sana pianta o far dire a Brian "belandi!" come il gabibbo, spacciandola per una parolaccia irlandese del futuro.
E dunque? Diciamo che è una sorta di correttezza verso il lettore. E verso il nostro lavoro, perché tutto quello che è stato scritto per San Michele ha subito vicissitudini del genere, infiniti controlli, estenuanti ricerche incrociate, ripensamenti dei ripensamenti. Qualche ora buttata per un'imprecazione, un dettaglio in fondo trascurabile, è poca cosa. Ma che contribuisce - almeno a nostro parere - a rendere più credibile il tutto. E speriamo, anche più interessante.
Torniamo alla nostra imprecazione. Buona, ma ancora lunga. Semplifichiamo: via l' "air" e teniamo solo il "damnù!". In fondo in 100 anni è anche possibile che qualche dettaglio venga rosicchiato e modificato dal tempo. Tra l'altro, magari già oggi esiste questa variante. Controlliamo sul traduttore di google, che traduce "damnù" come "accidenti".
Brian lo usa con entrambe le accezioni, dunque va benissimo. "Damnù!", in gaeligo irlandese del XXII° secolo, significa perciò "dannazione!" o "accidenti!", a seconda del tono e della situazione.
E basta così.
Lo sapete voi che leggete questo blog e nessun altro. Quelli che leggono solo il fumetto potranno immaginarsi qualcosa a loro piacimento. Ma confidiamo nel fatto che la parola sia in ogni caso avvicinabile - anche solo inconsciamente - al "dannazione" italiano, oltre che naturalmente vicinissima al "damn!" inglese.
E anche se non lo pensassero, rimane comunque un'esclamazione semplice, diretta e particolare, che si può ricordare anche senza conoscerne il significato.

E Akira? Quale può essere l'imprecazione preferita di un fulminologo giapponese?
Sempre del XXII° secolo, ovvio.
Mah. Ne guardiamo un pò di classiche. Non ci convince nessuna. Troppo... giapponesi.
Pensiamo a qualcosa di più spendibile. Una bella imprecazione classica. Se i galli di Asterix esplodevano in un liberatorio "Per Toutatis!" (il Dio della guerra celtico, assimilabile al Marte dei romani), il nostro Akira potrebbe seguire una via similare, no?
Passiamo al setaccio buona parte della sterminata mitologia giapponese. Tra dei, demoni e spiriti. L'impresa si rivela più ardua del previsto.
Decidiamo di trovare dei "punti cardine" che abbassino il numero delle possibilità. Ci piacerebbe che fosse qualcosa legato al suo mondo. Ai suoi studi, alle sue passioni. Dunque i temporali. I fulmini. I lampi. I tuoni. La pioggia. La pesca (di fulmini, ovvio).
La ricerca, da centinaia di opzioni, si riduce di parecchio. Ne individuiamo 12, legate questo a uno, questo a un altro degli elementi cardine sopra indicati.
I nomi?
Raiju, Susanowo, Takemikadzuchi, Taki-Tsu-Hiko, Raiden, Futsu-Nushi-no-Kami, Okuni-Nushi, Kura-Okami, Hoderi, Ebisu, Raitaro, Funadama.

Rajiu, Raiden, Futsu-Nushi-no-Kami: hanno attinenze principalmente con le folgori, in misura diversa.
Rajiu (di nuovo), Takemikadzuchi, Raiden (di nuovo), Raitaro: le hanno con il tuono.
Susanowo, Taki-Tsu-Hiko, Kura-Okami, Okuni-Nushi: con le tempeste o la pioggia.
Ebisu, Hoderi e Funadama: con i pescatori.

Per un motivo o per l'altro potevano andare bene quasi tutti. Anche qui si presentava la difficoltà di pronuncia, l'eccessiva lunghezza o lo scarso appeal nella nostra lingua.
Facciamo un'altra scrematura in quest'ottica. Rimangono Rajiu, Raiden, Raitaro, Ebisu, Hoderi, Funadama.
Lascio a ciascuno lo sfizio di cercarsi gli esatti significati e storie di questi dei o demoni, perchè il post da lunghissimo diventerebbe infinito.
Come ormai sapete, abbiamo scelto Raiden.
E' il dio del tuono ("rai") e del fulmine ("den"). Che stando seduto su una nuvola, scacciò gli invasori mongoli a suon di pioggia di fulmini. Questa cosa non può che richiamare la mitologia greca, nella figura di Zeus, equivalente del romano Giove: un punto a favore di Raiden, visto che Giove ricorre nella nostra storia per indicare il misterioso progetto nucleare fascista.
"Per Raiden!", dunque.
Ma sì, suona bene.
Lo teniamo!

E questo è quanto.

Anzi, no. Dimenticavo di dirvi che significa quel che sta scritto nel titolo (no, non è un gargarismo). E' una frase ceca. I cechi hanno una fantasia meravigliosa nell'inventarsi insulti. Questo significa, più o meno: "quel cappotto sembra appena uscito dalla bocca di una mucca!"

E scusate se è poco.

8 commenti:

luttazzi4ever ha detto...

Gallwch chi daflu y gwaed!

Insulto napoletano prima italianizzato e poi tradotto in gallese. Alla fin fine è un semplice augurio se si controlla tutta l'etimologia della frase e la si prende in senso buono.

Bel post! Damnù!

Colei che... ha detto...

Aggiungo che alcune delle imprecazioni piu' belle le ho sentite da napoletani! :D

Ciao!

Fabio Celoni ha detto...

Concordo assolutamente! :)

Bob_Cooper ha detto...

ma le vendite come stanno andando?

Fabio Celoni ha detto...

Ciao Bob. Da quel che so, più che bene. Come dicevo altrove, il primo numero ha venduto più del primo di Nemrod, che era andato davvero bene (in proporzione, perchè ora la Star fa tirature diverse). Dunque è andato benissimo.
Ciao!

DjJurgen ha detto...

Bellissimo post, davvero molto interessante! :)
Credo che approfondimenti di questo genere siano sempre utili per creare un ulteriore ponte tra l'opera e il lettore...anche se, come dice lo stesso Fabio, per coinvolgere il lettore spesso basta coinvolgere e avvicinarsi al suo inconscio senza essere costretti a dare troppe spiegazioni!
In effetti ho sempre pensato che Damnù sia una bellissima imprecazione (e, sì, per me ha sempre significato "Dannazione"), ma non avrei mai immaginato che fosse stata scelta dopo una ricerca così estenuante! :D
Per quanto riguarda l'imprecazione di Akira, sono contento di aver scoperto il significato di "Per Raiden"! E io che pensavo che voleste tratteggiare il carattere di un personaggio appassionato di Mortal Kombat! :P

Tyrrel ha detto...

Sempre interessantissimi questi "contenuti speciali" della serie proposti nel blog.
Quanto raccontato è anche indice di quanta passione e lavoro abbiate posto nella realizzazione della serie, se tanto tempo e tanta dedizione avete dedicato alla ricerca di due imprecazioni che funzionassero. E che funzionano a meraviglia, visto che "Damnù!" rende subito l'idea di "Dannazione!", nonostante sia un termine irlandese, e "Per Raiden!" è adattissimo ad Akira; all'accostamento con Mortal Kombat però non c'ero mica arrivato! :P

Fabio Celoni ha detto...

Eheh... come dicevo, la ricerca "dietro le quinte" di San Michele è stata davvero enorme, sotto moltissimi punti di vista. Cercheremo il più possibile di fare post con contenuti speciali che possano avvicinarvi ancora di più alla realizzazione della mini, se siamo un pò titubanti è perchè con una trama simile il rischio di spoilerare (anche involontariamente) è davvero altissimo! :)

Per Raiden e Mortal Kombat... Tyrrel, non c'ero arrivato nemmeno io!!! :D Nel senso che conoscevo il gioco ma non il personaggio... assurdo! Sono andato a vedere e... ha pure il cappello di paglia! (anche se c'è una differenza fondamentale: quello del gioco è proprio il jingasa a punta dei samurai, mentre quello di Akira è da pescatore giapponese, infatti è stato ispirato da... quello di Sampei!!!) :)

Quando abbiamo creato Akira, avevamo in testa chi era e cosa faceva. I suoi abiti da pescatore (di fulmini) dovevano ricordare in qualche modo un impermeabile (che diventa "fantascientifico" nella nostra storia) e in quella direzione ho studiato il suo abbigliamento.
Insomma le mie uniche ricerche iconografiche sono state nel trovare la forma più adatta di copricapo giapponese: dopo molti tentatvi, abbiamo optato per quello che vedete.
Il resto (vestito, etc) è farina del mio sacco. :)

In ogni caso, la figura di Raiden di Mortal Kombat è ovviamente ispirata alle tre bufere di "Grosso guaio a Chinatown" (che è del 1986, mentre il gioco è del 1992).
Io non ci avevo pensato, pur adorando il film e Carpenter, e mi sono reso conto solo successivamente che anche se i personaggi hanno poi ben poco da spartire, ci sono indubbie similitudini esteriori. Un omaggio inconscio? :) Può anche essere!

Che il nome di uno dei protagonisti del gioco, Raiden, sia poi diventata l'imprecazione di Akira, è del tutto casuale! (infatti il procedimento che ci ha portati a trovarla l'ho spiegato nel post). :)
Ma è un dio del tuono, piuttosto popolare, sembra, dunque è comprensibile.

Ciao! :)

Fabio

 
Wordpress Theme by wpthemescreator .
Converted To Blogger Template by Anshul .